257 visite

Per chi va controcorrente Nessun voto ancora.

Si prega di valutare questo

Quando si dice essere contro corrente, oggi vogliamo introdurre l’argomento delle operazioni al seno!

Spessissimo ci troviamo di fronte a ragazze o donne che desiderano aumentare la taglia del loro seno per soddisfare l’immagine di se stesse, con vestiti finalmente pieni. Anche l’uomo, quasi sempre alla ricerca dell’abbondanza, considera la donna prominente come preda più appetibile. Insomma tutti d’accordo, un seno grande è un vantaggio? Non sempre; bisogna considerare il risvolto della medaglia.

Ovviamente, se non la si vive sulla propria pelle, i dolori alla schiena, al collo, alle spalle e i disagi durante i normali movimenti, non possono essere capiti. E’ strano ma per questi soggetti la percezione è opposta, desiderano un seno sollevato e più forte. Un reggiseno che si adatta più comodamente, migliorando la silhouette. Costumi da bagno, reggiseni sportivi e i vestiti che si adatteranno meglio, sono la forza motrice che spinge queste donne ad affrontare con la giusta volontà l’intervento di riduzione seno. Anche se piccoli, questi gesti contribuiscono a migliorare la qualità di vita di una persona stimolandola a reagire al meglio.

Non dimentichiamoci che un difetto è percepito in quanto tale. Sentire di avere il seno piccolo provoca esattamente le stesse condizioni e disagi di chi il seno l’ha troppo grosso. In queste condizioni non esiste chi ha troppo o troppo poco ma appunto chi lo percepisce come inestetismo. Come altri tipi d’intervento anche la riduzione del seno non è uno scherzo, lo ricordiamo perché negli ultimi anni molte donne e molti uomini si sono avvicinati agli interventi di chirurgia plastica con un certa superficialità. Vogliamo ricordare che tutti gli interventi di chirurgia plastica sono da approcciare con la giusta mentalità. Una buona e consolidata motivazione conduce il paziente ad un percorso lineare e senza intoppi. Se ben coadiuvato da un valido professionista, l’intervento consente di migliorare sempre la qualità della vita.

Preventivo

Be the first to comment on "Per chi va controcorrente"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*